18/06/12

Toledo di marzapane






 .
Sono tornata nella meravigliosa Madrid e ho avuto la possibilità di fare un'escursione a Toledo.




.

Obiettivo principale della gita è stata la sua cattedrale, la cui arcidiocesi è la più importante della Spagna, nonché sede primaziale.




.

Dopo quella di Siviglia, è la seconda cattedrale costruita in stile gotico in Spagna.



.

Immaginavo fosse molto grande e imponente, ma non che la visita fosse così ben organizzata: l'audioguida mi ha accompagnato per quasi 3 ore, dandomi la possibilità di ammirare nel dettaglio tutta la cattedrale.







.
Non è mia intenzione soffermarmi sui tesori di questa cattedrale, ma non posso non segnalare l'unicità di questa splendida Madonna detta "La Vergine Bianca" di scuola francese, dalla gestualità dolce e affettuosa e dallo sguardo enigmatico.


.
All'uscita non ho potuto non ammirare prosaicamente anche le numerose pasticcerie, legate al nome dei vari conventi della città. (Dubito fortemente che le suorine c'entrino qualcosa...)




 .
 .
Toledo è famosa per il suo marzapane: la leggenda narra che durante un assedio, le suore del convento di San Clemente provarono a creare un alimento con gli unici prodotti a disposizione: mandorle e zucchero.


  .


Tra le varie specialità, l'anguilla di marzapane:
una base di pasta di mandorle ripiena di crema e di canditi, a forma di anguilla





 Tra le varie pasticcerie stracolme di turisti, ho avuto la fortuna di imbattermi serendepicamente in una porticina, che recava appeso un foglietto quadrettato: 
"Marzapán y pan de l'ángel"

All'interno una anziana suora dietro la grata vendeva i prodotti del Convento di Santa Rita,
consegnati attraverso l'antica ruota.



 .
Inutile dire che non sia rimasto già più nulla, vero?


foto di Bmdcc
© 2015 Bacio meglio di come cucino Tutti i diritti riservati



2 commenti:

LaDamaBianca ha detto...

Toledo mi era piaciuta moltissimo. Città incantevole.

Pryntyl ha detto...

Arrivarci è stata un'impresa, ci ho provato per 3 giorni di fila: in treno, in bus... code interminabili! Ma ne è valsa la pena!